Francesco Colianni

Elezioni Regionali, Francesco Colianni presenta il suo programma politico

Inaugurato il comitato per la città di Enna. A sostegno, gli esponenti dei gruppi Liberamente, Partito per Enna e Uniti per Enna. Annunciata l’apertura di poli elettorali in tutti i comuni dell’Ennese

La provincia di Enna tornerà a essere il cuore pulsante della Sicilia”

Centinaia di sostenitori hanno preso parte ieri, lunedì 1 agosto, all’inaugurazione del comitato elettorale per la città di Enna di Francesco Colianni, candidato all’Assemblea regionale siciliana per le elezioni 2022. Solo una parte di amministratori, consiglieri comunali, cittadini, amici e sostenitori del giovane politico ennese ha avuto accesso al salone di via Roma 395. In molti sono rimasti fuori ad attendere un varco nell’afflusso ininterrotto di visite e saluti che ha riempito le ampie sale del comitato dal pomeriggio alla tarda serata.

È arrivato anche fra Daniele Lo Nigro a benedire i numerosi intervenuti e i locali. Poi, le sollecitazioni dei diversi esponenti politici raccolti attorno al tavolo dei relatori e il discorso di Francesco Colianni che ha annunciato la prossima apertura di comitati elettorali in ogni comune della provincia di Enna e ha esposto, punto per punto, il suo programma elettorale.

“La mia storia politica e di amministratore di questa città la conoscete – ha detto in apertura, in riferimento agli ultimi anni nel ruolo di vicesindaco del capoluogo – mi sono posto degli obiettivi ambiziosi e li ho portati a termine”. Colianni ha presentato le fasi del recupero del Castello di Lombardia (ancora in corso), della Via Sacra, l’attenzione ai beni monumentali con il pagamento di un ticket (debutto assoluto in città), il ritorno dei grandi eventi e dei big a Enna, la battaglia per l’imposta di soggiorno, la nuova vita data al complesso dei convento dei Cappuccini dove sorgerà il Museo delle confraternite “unico nel suo genere”, ha specificato, e ancora l’organizzazione del Museo multimediale del Mito, la sua passione per il territorio e gli spostamenti giornalieri per i comuni della provincia, la sua vocazione per “restare in mezzo alla gente” e soprattutto per attrarre finanziamenti europei per la città.

“Cosa è possibile fare per cambiare realmente la nostra realtà e far tornare la provincia di Enna motore pulsante del centro Sicilia? – ha detto – ottenere innanzitutto una fiscalità di vantaggio, seguendo il modello di Malta e dell’Irlanda. Rendere operative le infrastrutture e in particolare per le strade interne al nostro territorio, chiedendo il commissariamento delle opere dove necessario. Questa battaglia comprende anche una stazione ferroviaria che si avvicini il più possibile ai nostri centri. E ancora – ha affermato – la realizzazione di un Policlinico universitario che rimanga in questa provincia a vocazione universitaria, e che sia da volano per i nostri giovani”. In chiusura ha chiarito: “La mia non è una candidatura fine a sé stessa. Con me all’Assemblea regionale porto tutta la nostra provincia”.

A spronarlo nella sua corsa all’Ars, in prima linea, il padre Paolo Colianni, già deputato e assessore regionale. E anche Ugo Maria Grimaldi, con alle spalle la sua esperienza di deputato parlamentare e assessore regionale, con molteplici incarichi a livello nazionale. Commosso per la grande affluenza al comitato, ha dichiarato al microfono che Colianni junior è il suo erede: “Il mio sogno è quello di avere Francesco non solo deputato regionale, ma anche tra gli assessori della prossima giunta a Palazzo d’Orleans. Nella mia vita – ha chiosato – ho realizzato tanti desideri. Questa per me è l’ultima partita politica e vorrei uscirne vincitore accanto a questo valido fuoriclasse”.

Il vicesindaco di Enna Francesco Comito haricordato che “la nostra è la prima forza politica della città” e ha fatto un appello all’intera provincia: “Enna ha bisogno di un suo deputato regionale”. Gli ha fatto eco l’assessore comunale alle Politiche sociali Gianpiero Cortese che ha spiegato: “Per una discutibile logica di calcolo dei seggi, Enna non potrà esprimere candidati alle elezioni politiche. Ragione di più per avere Francesco Colianni all’Ars, non possiamo più permetterci di perdere uomini, donne e risorse”. L’assessore comunale al Bilancio e allo Sport Dante Ferrari harincarato la dose: “Enna deve rispondere con orgoglio a questa candidatura e da oggi faremo un lavoro certosino per coinvolgere tutti i comuni della provincia”. Il collega assessore alla Viabilità Biagio Scillia ha sintetizzato le tappe che dal 2010 a oggi la squadra politica condivisa da Colianni ha tracciato per “scardinare un sistema politico che sembrava invincibile – ha affermato – è un duro lavoro che continuerà ancora con le grandi capacità e la caparbietà di Francesco e che nei prossimi anni darà una svolta risolutiva alla città di Enna”.

A queste voci, si sono affiancate quelle del consigliere comunale Walter Cardaci, Partito per Enna,che, da amico di infanzia di Francesco Colianni, gli ha raccomandato i giovani: “Sei stato tu a farmi appassionare di politica in un contesto in cui questa viene vista dai ragazzi come una cosa sporca, da evitare – ha raccontato – ora ti ricordo di tutti quei giovani dell’intera provincia di questo entroterra siciliano che sono costretti ad andare via in cerca di opportunità. Bisogna ridare loro lavoro e rilanciare l’agricoltura”. Rosario Vasapollo, capogruppo in Consiglio comunale per Uniti per Enna, ha manifestato il suo appoggio dichiarando: “Oggi la politica torna al centro del dibattito politico della città. Ti appoggeremo senza se e senza ma”. Pro Colianni anche la consigliera Giuseppina Firrandello, Partito per Enna, che ha inviato un suo saluto.

A fare da coordinatrice dell’incontro è stata Naomi Fiammetta, Partito per Enna, unica donna del gruppo, già assessore comunale al Bilancio: “Questo comitato appoggia un candidato valido, che ha per faro la concretezza politica, che tanto ha fatto e tanto ancora farà”. La voce più giovane è stata quella di Alessio Liberti, 20 anni, coordinatore del Partito per Enna: “La mia generazione ha visto Enna rifiorire – ha confidato – era una realtà destinata a morire e a essere dimenticata. Oggi, grazie ai politici che credono nel nostro progetto come Francesco, è di nuovo al centro dell’azione politica e culturale della Sicilia”.

Nel corso del pomeriggio è stato presentato il sito web www.francescocolianni.it, spazio virtuale ufficiale del candidato che ne racconta il percorso umano e politico, il suo programma politico, con notizie, comunicati e materiali multimediali con collegamenti ai social media.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.