variante delta

L’epidemia non rallenta, questa settimana raddoppiano i casi

Aumentate le prenotazioni dei vaccini grazie al green pass obbligatorio, l’allarme resta attivo ma revocate le zone rosse

da Palermo Today

Il trend resta sempre quello degli ultimi giorni, sono 484 i nuovi casi Covid individuati in Sicilia su 15.413 con un tasso di positività del 3,1%. Sul fronte vaccini dopo l’annuncio del green pass obbligatorio in Sicilia le prenotazioni sono aumentate del circa 10%. Sul versante ospedaliero invece non si registra nessun nuovo ingresso in terapia intensiva nelle ultime 24 ore e i posti occupati diventano 21 (-1 rispetto a ieri). Salgono invece i ricoveri nei reparti ordinari, dove al momento si trovano 172 persone (+14 rispetto a ieri). Due invece i decessi. 

Ci sono 182 guariti, e gli attuali positivi diventano 6.903 (+300 rispetto a ieri). Di questi 6.710 si trovano in isolamento domiciliare. Il report per provincia: sono 78 i casi a Palermo, 70 a Catania, 12 a Messina, 36 a Siracusa, 51 a Trapani, 17 a Ragusa, 101 a Caltanissetta, 98 ad Agrigento e 21 a Enna.

Effetto green pass, salgono le prenotazioni per i vaccini

Dopo la notizia del green pass obbligatorio per poter accedere a una serie di attività e servizi si sono registrate 5.666 prenotazioni per la prima dose e l’altro ieri erano state 5.171 con una variazione del 10%. Alle 12 di oggi erano 2.247 e si va ad una media di circa 600 prenotazioni all’ora, secondo i dati dell’assessorato regionale alla salute. 

Zone rosse revocate

Due nuove “zone rosse” dovevano entrare in vigore proprio oggi e riguardano i Comuni di San Giovanni Gemini e Cammarata, nell’Agrigentino. Era già pronta anche la proroga, sempre fino al 29, per Gela ma, con una nuova ordinanza, il presidente della Regione Nello Musumeci ha appena disposto la conclusione di tutte “zone rosse” in Sicilia. La revoca è stata adottata alla luce dell’entrata in vigore del decreto legge recante nuove misure di contenimento epidemiologico della pandemia.

Vaccini, Razza: “Invertita la tendenza in sinergia con gli enti locali”

Si moltiplicano le iniziative che il sistema sanitario regionale organizza con i sindaci e le amministrazioni locali per favorire la campagna vaccinale di prossimità. Ringrazio i direttori generali e i commissari da me nominati, anche perché la crescita dei primi vaccinati dopo l’ordinanza del presidente Musumeci è stata davvero significativa. Ci aspettiamo ancora molto dai prossimi giorni».
Lo dichiara l’assessore regionale della Salute, Ruggero Razza.

Il Covid in Italia

Il bollettino del ministero della Salute di oggi fa registrare 5.143 nuovi casi e 17 morti. Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati 237.635 tamponi antigenici e molecolari con il tasso di positività che si attesta al 2,16%. Ieri erano stati accertati 5.057 contagi su circa 220mila test. Insomma, l’epidemia non rallenta. Anzi. Continua la crescita dei ricoverati con sintomi (+70 da ieri), il dato positivo è il calo delle terapie intensive (-3). Gli ingressi nei reparti di area critica nelle ultime 24 ore sono stati 10. 

Rispetto alla scorsa settimana i contagi sono praticamente raddoppiati.

Casi tra lunedì e venerdì

  • questa settimana: 20.089
  • scorsa settimana: 9.928
  • due settimane fa: 5.181

Intanto stando al monitoraggio settimanale dell’Istituto Superiore di Sanità sull’andamento epidemiologico Covid-19, relativo al periodo 12-18 luglio, l’indice RT è salito a 1,26. Sono 19 le Regioni a rischio moderato e 2 a basso rischio (Basilicata e Valle d’Aosta), nessuna Regione si trova sopra la soglia critica sia nelle terapie intensive che nei ricoveri ordinari. 

Coronavirus: il bollettino di oggi venerdì 23 luglio

  • Nuovi casi: 5.143
  • Totale casi: 4.307.535
  • Tamponi (antigenici e molecolari): 237.635
  • Attualmente positivi: 58.752 +3.886
  • Ricoverati con sintomi: 1.304 +70
  • Ricoverati in Terapia Intensiva: 155 (-3)
  • Ingressi in terapia intensiva: 10
  • Deceduti dopo Covid test positivo: 17
  • Totale deceduti: 127.937
  • Totale Dimessi/Guariti: 4.120.846, +1.239

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.