garanzia giovani cantieri di lavoro Antonio Scavone

Centri per l’impiego, in arrivo il più grande concorso pubblico della storia della Regione

Mancano solo gli ultimi dettagli, da sistemare nei prossimi giorni e, già la prossima settimana, potrebbe essere pronto per la pubblicazione il nuovo maxi bando che mette a concorso un numero record di posti nei centri per l’impiego: 1.024.

L’assessore al lavoro Antonio Scavone si appresta a firmare il più grande concorso pubblico della storia della Regione Siciliana. L’obiettivo è il potenziamento dei centri per l’impiego, sfruttando una enorme mole di finanziamenti statali, oltre 100 milioni che saranno utilizzati per assumere 648 funzionari di fascia D e 487 funzionari di fascia C. Ci sarebbe spazio anche per assumere 267 ispettori del lavoro.

“Il motivo per cui sono passati due anni dall’annuncio del bando – afferma Scavone – è che nel frattempo, pandemia a parte, lo Stato ha cambiato le norme sui concorsi nella pubblica amministrazione e noi abbiamo dovuto modificare la selezione”. La prima novità in tal senso è che ci sarà una preselezione solo attraverso la valutazione dei titoli. Per la categoria D sarà necessaria la laurea, la cui tipologia cambia in funzione del
profilo professionale richiesto. Per la categoria C sarà sufficiente il diploma. Ma a fare la differenza, nella fase successiva, saranno i titoli professionali e di servizio.

Questo potrebbe aprire una strada ai 409 navigator siciliani per i quali già a fine dicembre l’assessore Scavone aveva sollecitato a Roma la stabilizzazione.

Secondo le tempistiche immaginate dalla Regione, la preselezione dovrebbe effettuarsi a settembre per procedere in autunno con il vero e proprio concorso che si svolgerà con una prova scritta, costituita da 70 quiz a risposta multipla. Non verrà fornito il librone delle domande ma un elenco di materie da studiare. I nuovi assunti verranno impiegati in tutte le sedi provinciali dei centri per l’impiego.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.