antonio scavone

Assistenza per alunni disabili: 5 milioni alle ex province

Scavone: “Risorse per l’avvio in tempi brevi dei servizi aggiuntivi, integrativi e migliorativi” rivolti agli alunni disabili. La metà verranno erogati subito.

L’assessorato regionale della Famiglia ha trasferito i primi 2,5 milioni di euro alle ex province, dei 5 complessivi a disposizione, per fare partire in tempi brevi i servizi aggiuntivi, integrativi e migliorativi rivolti agli alunni disabili delle scuole medie secondarie.

A darne notizia l’assessore delle Politiche sociali, Antonio Scavone.

In particolare, secondo la ripartizione effettuata in rapporto al numero degli alunni disabili che frequentano gli istituti superiori dell’Isola, sono stati erogati 718 mila euro alla città metropolitana di Palermo, 557 a Catania, 291 a Messina, 161 al libero consorzio di Agrigento, 129 a Caltanissetta, 66 a Enna, 125 a Ragusa, 246 a Siracusa e 202 a Trapani.

“Abbiamo erogato la metà delle somme che abbiamo a disposizione, a seguito della norma approvata nell’ultima finanziaria che prevede uno stanziamento complessivo di 5 milioni per permettere l’avvio in tempi brevi dei suddetti servizi per gli studenti disabili – ha affermato Scavone – la restante parte sarà trasferita per garantire la prosecuzione dei servizi fino a fine anno compreso il periodo estivo”.

La prossima settimana i tecnici dell’assessorato Famiglia riuniranno i responsabili dei liberi consorzi e delle città metropolitane per illustrare le modalità di utilizzo delle somme.

“Riteniamo indispensabile l’avvio in tempi brevi di questi servizi – aggiunge ancora Scavone – per consentire l’effettiva partecipazione dell’alunno disabile a tutte le attività scolastiche, ricreative e formative previste dal piano dell’offerta formativa della scuola e anche dal piano educativo individuale dell’alunno”.

All’indomani del parere del CGA che faceva chiarezza sulle competenze tra stato e regione in ordine all’assistenza igienico personale degli alunni disabili nelle scuole, il governo Musumeci, su proposta dell’assessore Scavone, per colmare la criticità, carenze di personale e di servizi agli alunni disabili, aveva adottato una delibera che, nel rispetto delle competenze, prevedeva l’attivazione dell’assistenza aggiuntiva, integrativa e migliorativa presso le scuole.

“Con l’approvazione da parte dell’Ars della norma che non questo obbiettivo stanzia 5 milioni – conclude Scavone – oggi diamo l’avvio a questi servizi”.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.