responsabili litigiosi

“Responsabili” ma litigiosi, i deputati del gruppo “salva Conte” sono già uno contro l’altro

di Francesco Galici – Il Giornale

In Senato è ufficialmente nato il gruppo Europeisti-Maie-Centro democratico formato dai “responsabili” pronti a supportare Giuseppe Conte.

Sono in tutto dieci. Il capogruppo sarà Raffaele Fantetti, il vice Andrea Causin. Insieme a loro anche Maurizio Buccarella, Adriano Cario, Saverio De Bonis, Gregorio De Falco, Maria Rosaria Rossi, Ricardo Merlo (sottosegretario agli Esteri), Tatjana Rojc e Gianni Marilotti. Si è arrivati alla formazione dopo giorni di lotte e di discussioni, perfino sulla nomina del capogruppo quando ancora non esisteva un gruppo. Un avvio che non lascia ben sperare i “conters”, che ora dovranno continuare la loro ricerca se vogliono davvero essere d’aiuto al presidente del Consiglio dimissionario.Conte disperato: “Non trovo responsabili”

“Oggi ho ricevuto la seguente lettera, un attimo di attenzione: ai sensi dell art. 14 e 15 e seguenti del regolamento del Senato, oggi si è costituito il nuovo gruppo parlamentare Europeisti-Maie-Centro democratico”, ha annunciato Maria Elisabetta Casellati questa mattina in apertura dei lavori. Tutti gli aderenti al gruppo Europeisti-Maie-Cd hanno già votato la fiducia a Giuseppe Conte lo scorso martedì in Senato, pertanto al premier continuano a mancare almeno sette voti nuovi di zecca che gli possano garantire una maggioranza accettabile. La ricerca a Palazzo Madama non si è mai fermata ma come riferisce Alessandro Trocino sul Corriere della sera, per ora ci sono “solo mezze promesse, abboccamenti, lusinghe private seguite da smentite pubbliche”. I pontieri sono stremati, non pensavano sarebbe stato così difficile costruire un gruppo solido attorno a Giuseppe Conte, che ora dopo ora vede il terzo mandato sempre più distante. Nella rosa del nuovo gruppo si fa notare l’assenza di Sandra Lonardi, che nei giorni scorsi pare si fosse spesa per trovare i responsabili.

Lo strappo tra la moglie di Clemente Mastella e quel gruppo che lei stessa ha di fatto contribuito a costruire sarebbe avvenuto ieri sera per una lite con Maria Rosaria Rossi. L’Adnkronos parla di un’accesa discussione perché la Lonardo “avrebbe voluto inserire accanto al logo del Maie e del Centro democratico anche il suo simbolo ‘Noi campani'”. Con quel simbolo, infatti, Lady Mastella si era presentata alle elezioni in Campania a sostegno di Vincenzo De Luca ma alla sua richiesta si sarebbe opposta proprio Maria Rosaria Rossi. Lo scontro è stato duro e l’uscita della Lonardo ha minato la formazione ufficiale del gruppo, se non fosse che la Rossi ha trovato in zona Ciampolillo il nome per rimpiazzare Lady Mastella, uscita beffata. L’Adnkronos specifica che “Rossi smentisce nettamente questa ricostruzione ma chi ha partecipato attivamente alle trattative conferma le tensioni sulla questione del simbolo”.

Tuttavia, Giuseppe Conte in Senato è ancora fermo a quota 154: ai 156 voti ottenuti martedì scorso va aggiunto quello del senatore assente perché infettato dal coronavirus ma ne vanno sottratti 3 dei senatori a vita. Mancano i famosi sette voti per la maggioranza assoluta che ci si affanna a trovare. Il clima è lugubre, l’umore reale dei pontieri e dei responsabili è lontano dall’entusiastico ottimismo pubblico.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.